Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le guerre in celluloide di Claudio G. Fava

Oh che bella guerra. Cento titoli per ripercorrere la storia di un genere cinematografico che di solito attira davanti al grande schermo soprattutto i maschietti, anche se non mancano le appassionate… La proposta viene da uno dei critici più amati dagli innamorati (veri) di cinema: il genovese (e genoano) Claudio G. Fava, classe 1929, animatore di spettacolari cicli di film in tv negli anni che furono.
E come un lungo, lunghissimo ciclo si presenta questo libro prezioso, che ripercorre i migliori titoli dall'inizio del sonoro ai nostri giorni. A insindacabile giudizio dell'autore, ovviamente, che ci tiene subito a scusarsi per eventuali mancanze dovute ad alcune regole ferree, prima fra tutte un film per ogni singolo autore. Sola, dovuta eccezione Clint Eastwood, presente con il fenomenale "dittico" sulla battaglia di Iwo Jima.
Quante notizie, quanti aneddoti, quante curiosità. Diverte ri-scoprire che Mario Monicelli fu l'imberbe aiuto regista, nel 1936 (!), di Augusto Genina sul set dello Squadrone bianco. Così come è gustosa la ricostruzione delle "voci vere" dei protagonisti di Paisà, di Roberto Rossellini: «Per decine di anni – chiosa Fava – ho creduto che fossero dialoghi autentici. Ancora una volta, Rossellini, geniale falsificatore e reinventore della realtà, mi ha sorpreso in fallo». O ancora Renoir che nella Grande illusione «cattura il sapore di un universo perduto, per molti meraviglioso malgrado i suoi innumerevoli difetti».
Proprio come il mondo del cinema, il primo amore di Fava. E, anche grazie a lui, il nostro.
Il libro di Claudio G. Fava, «Guerra in cento film», è edito da Le Mani. Il costo, per 240 pagine, è di  18 euro. Ben spesi!

Ps: Per chi voglia seguire l'attività del grande  critico, consigliamo di dare spesso una sbirciata al suo blog ( http://clandestinoingalleria.blogspot.com/). Un'isola felice, un giardino dell'intelligenza, un'occasione per scoprire libri di cinema e per ripercorrere in modo leggero ma mai superficiale storie, cronache, tematiche  e curiosità dell'universo di celluloide.